AGIMI LIBOHOVA (Albania)

Carissimi amici di Agimi Italia.
E’ veramente un grande piacere raccogliere i frutti del tuo lavoro.
Sono passati più di cinque anni da quando è nata la sezione Agimi Libohova e da allora insieme con i miei studenti e i miei allievi delle due scuole della nostra città Libohova lavoriamo per imparare la lingua italiana. Mi sento veramente orgoglioso e contentissimo per il progresso del nostro lavoro. Molti miei alunni, grazie a questo impegno, sono andati in Italia e studiano nelle diverse facoltà presso le università italiane, gli altri che seguono gli studi superiori nelle università albanesi, hanno scelto l’italiano come lingua straniera.
Quest’anno presso la scuola 8-vjecare “Avni Rustemi” con i bambini della terza e della quarta classe elementare svolgiamo un programma di lingua italiana. Più di dieci miei studenti durante gli ultimi tre anni hanno superato la prova della conoscenza della lingua italiana e hanno preso il certificato “CELI 3” dell’Università di Perugia.
Anche con le diverse difficoltà che abbiamo trovato per mancanza di materiali linguistici come libri, cassette, ecc, grazie alla volontà e all’interesse dei bambini e dei loro genitori, tutti insieme continuiamo a lavorare e creare lavori in italiano. Dalle molte poesie che hanno scritto in italiano i miei allievi, avrei desiderio che nelle pagine del nostro giornale AGIMI si pubblicassero come “mazzetti di fiori primaverili spuntati a Libohova” in dono agli amici italiani della grande famiglia AGIMI.
Questo lavoro mi sembra essere una finestra aperta per la collaborazione tra Agimi Libohova e Agimi Italia che porterà il calore del sole della nostra città e la freschezza dell’aria e delle acque limpide che sgorgano fresche e fredde dalla nostra montagna di Bureto.
Libohova, 14 gennaio 2005
Besnik Ismailati
Presidente di Agimi Libohova, Albania
Insegnante della lingua italiana presso la
Scuola 8-vjecare Avni Rustemi in Libohova

MAESTRO MIO Maestro mio, ti voglio bene, tu sei nel mio cuore e così sarai per sempre.Tu mi insegni la lingua, tu mi dai il cuore, tu mi riempi con vita e tu mi dai amore Non ha in questo mondo come te maestro mio, perché dalla tua bocca sorgono solo belle parole. (Driola Abdiu, 15 anni)

IL MIO MAESTRO Dal nostro cuore piccolo oggi, un augurio è lungo per tutti i maestri e le maestre del mondo. Tutti i maestri del mondo sono famosi e grandi generosi e buoni. Il sette marzo è un giorno che i maestri lo festeggiano e noi gli regaliamo i fiori (Benard Cobani, 9 anni)

AL MIO MAESTRO Una poesia per te , o mio maestro, te la scrivo sul mio quaderno, solo per te, o mio maestro, solo per te. Mio maestro io ti amo a te, perché tu sei buono. Tu regali a me un mondo con tanta gente, con la gente più buona. Mio maestro tu sei buono come i miei genitori e come tutta la gente buona. (Psagildiana Shehu, 15 anni)

AL MIO MAESTRO Lui scrive sulla lavagna tutto quello che dobbiamo sapere, quando parla molto nella lezione ci da tanto piacere. Lui non si stanca mai e mai non ci grida, sempre ci aiuta nella nostra sfida. Lui ci fa sorridere tutti, e noi lo amiamo molto quando ci dà un sorriso dolce dipinto nel suo volto. E poi sorridiamo tutti per sconfiggere la sfida, perché è meglio un sorriso, che un grido forte. (Marsela Abdiu, 10 anni)

MIO MAESTRO BUONO Mio maestro buono che mi spieghi un corso buono, l’italiano che mi piace, perché lo faccio con un maestro d’arte. Maestro mio, maestro mio, ti do un bacio nel tuo viso quando mi spieghi chiaro e bene. (Grigor Nikolla, 10 anni)

LA PRIMAVERA Gli uccellini cantano, i bambini giocano quando gli uomini lavorano e tutti la primavera ammirano. (Anxhela Isufati, 12 anni)

I NIDI D’ESTATE L’albero è il nido con la porta. lì canta l’uccellino in estate. Amico, amico, nel nido primo dorme un uccellino col suo bambino. Amico, amico, nel nido secondo c’è un lupo che guarda attorno. Amico, amico, nel nido terzo c’è un uomo che fa complimenti. (Erjon Cobani, 10 anni)

PICCOLI ANGELI Noi siamo angelini e negli oceani nuotiamo, noi siamo angelini e il mondo vediamo. Noi siamo angelini, E nel cielo restiamo, noi siamo angelini e la gente aiutiamo. (Pamela Isufati, 12 anni)

LA FAMIGLIA Dio mi ha regalato una meraviglia che si chiama famiglia. Amo mio padre, amo mia madre, che sempre mi aiutano e vicino mi restano così quando ero piccolo e adesso che sono più grande. (Aldi Brinja, 11 anni)


AGIMI RIMINI-CENTRO (foto)

Prima di iniziare vorrei esprimere un grazie speciale al signor Malvasio, coordinatore elle sezioni Agimi Centro Italia, in questi mesi ci ha molto aiutato con la sua grande esperienza, pazienza, e con tanti buoni consigli.
E’ per noi un grande onore fare parte della grande famiglia di Agimi. Infatti è stata sempre un punto di riferimento per la nostra comunità qui a Rimini, è stata presente e sempre vicina.
La nascita della sezione AGIMI RIMINI-CENTRO è, infatti, un bisogno urgente per la comunità - la crescita culturale ed economica della comunità albanese a RiminI, ha bisogno non solo di uno slancio ma di un appoggio in tutte le strutture territoriali, affinché si possa trovare al passo con i dinamismi del tempo moderno, inserendosi a pieno tItolo, in una società che richiede conoscenza e informazione in tutti i campi.
La nostra Sezione è stata approvata dal comitato di garanzia Il 24 Ottobre 2004 ed è iscritta nel Registro Provinciale del volontariato al 14 Gennaio 2005.
I quattro Dipartimenti che sono alla base dell'Associazione:

1) Dialogo Ecumenico ed interreligioso

2) Scambi scientifici e culturali

3) Cultura popolare

4) Solidarietà e promozione umana.

Hanno ricoperto e ricoprono un po' tutti gli aspetti della vita sociale di un popolo.
Agimi in questi 14 anni, grazie alla buona volontà e generosità dì tanti italiani, di Voi in particolare, della Chiesa riminese, da Voi, che siete stati guidati non solo dall'Amore per la nostra cara terra d'Albania ma dalla guida buona e intelligente dì Mons. Giuseppe Colavero. L'Associazione Agimi è stata come il sangue che ha ridato vita e stimolato un corpo quasi paralizzato da lunghi anni di sofferenze.
Grazie dunque ad AGIMI, ad ognuno di voi per le grandi cose che avete realizzato e…la raccolta dei primi 10 anni di attività lo dimostra.
Ma noi che vogliamo fare ?.... che faremo ?. Certo non potremo fare cose grandi, ma ci proponiamo innanzi tutto di seguire i vostri passi. Vogliamo essere costruttori di Pace, di Unità, di Rispetto, di Dialogo, questa dovrà essere la nostra forza, la nostra ricchezza, così che anche il programma e lo attività che vorremo realizzare saranno più facili e credibili, questo ce lo insegnate Voi e lo avete vissuto con AGIMI in tutta l’Albania, senza mai pretendere un grazie.
Passo allora al Programma:

1) La Sezione AGIMI RIMINI-CENTRO lavorerà tra la comunità immigrata albanese e la popolazione locale per contribuire così alla costruzione di processi integrati tra singoli e gruppi, alla creazione di un legame sociale ed al rafforzamento di una società civile aperta, interculturale e democratica.
La nostra Sezione ha la volontà di promuovere forme di cooperazione orientate a mobilitare ed a valorizzare le rispettive risorse, svolgendo azioni orientate a favorire lo sviluppo della convivo multiculturale e religiosa, combattendo anche la lotta alla esclusione sociale, tutelando le fasce deboli della comunità.
'L'obiettivo di AGIMI RIMINI-CENTRO è quello dI aprire uno sportello per fornire agli immigrati informazioni puntuali sugli avvenimenti di attualità quali quelle situazioni di disagio e ingiustizia sociale, fornire una sponda informativa favorendo l'emersione e la denuncia.
La Sezione si prefigge, per facilitare l’inserimento ai propri connazionali ed altri, di fornire consulenze specifiche, quali:

a) Consulente sociale gratuito con educatori sociali

b) Consulenza psicologica gratuita: che dà un servizio alle famiglie che si trovano spesso impreparate nella nuova realtà sociale; la separazione accompagnata dalla violenza in famiglia è sofferta soprattutto dalle donne, dai bambini e dagli anziani.

c) Consulenza legale gratuita con Avvocato: che dia informazioni e consulenze sulle leggi italiane e sulle normative che regolano i flussi degli stranieri in Italia.

d) Consulente gratuito finanziario: per informazioni e consulenze su: denunce dei redditi, investimenti economici, mutui agevolati per la 1° casa, rapporti con gli Istituti Bancari

e) Ultimo punto che AGIMI RIMINI-CENTRO ritiene di potersene far carico, è quello di valorizzare gli Anziani che soffrono non solo della lontananza dall’Albania, ma maggiormente dell'isolamento causato dalla poca conoscenza della lingua italiana. Ci proponiamo di organizzare incontri culturali, serate con giochi e danze in modo che la loro ricchezza possa essere, trasmessa ai bambini ed adolescenti.

Per completare il programma con attività che ci aiutino a conoscere e ad essere più uniti tra noi, abbiamo pensato ad alcuni viaggi.

2) Viaggi. All'AGIMI-EUROGIOVANI-MAGLIE e Centro Culturale Albanese, Centro propulsore di tutto l'Agimi.
Alle Comunìtà Arberesh di Calabria perchè possiamo toccare con mano una forte realtà. Dopo 540 anni gli Arberesh non hanno dimenticato la loro lingua”Gjuha e nenes”, le loro tradizioni,cultura, costumi,e pur essendosi totalmente inseriti e ricoprendo prestigiosi posti di grande responsabilità all'interno della società italiana, testimoniano che "Gjaku s'béhet uje" (il sangue non diventa acqua).

3) Mostre di Pittura- Scultura e varie

4) Incontri con scrittori e poeti albanesi e di diverse nazionalità.

Certo, ora siamo cittadini di Rimini e viviamo del lavoro di cui vive la città, lavoro turistico, per cui l'estate sarà per noi il momento di grande fatica per andare avanti, ma questo non ci scoraggia, è il modo migliore per conoscere ciò che le vostre famiglie hanno vissuto con tanti sacrifici prima di noi. Contiamo sul vostro appoggio perché siamo gli ultimi nati e, Vi diciamo Grazie con tutto il cuore e sopratutto a piccola sorella Licia, a nome mio e del comitato direttivo.

IL Presidente Agimi Rimini-Centro
Kumaraku Edmond

HOME PAGE